Home Primo Piano Dati Inail: aumentate le denunce di infortunio in Lombardia

Dati Inail: aumentate le denunce di infortunio in Lombardia

Condividi Adesso

Inail ha reso disponibili i dati delle denunce di infortunio – nel complesso e con esito mortale – e di malattia professionale presentate all’Istituto entro il mese di febbraio 2024, nonché le tabelle con i confronti “di periodo” (gennaio-febbraio 2024 rispetto al medesimo periodo 2023).

livello nazionale le denunce di infortunio sul lavoro presentate all’Istituto nei primi due mesi del 2024 sono state 92.711 (+7,2% rispetto a fine  febbraio 2023), 119 delle quali con esito mortale (+19%).

In aumento anche le patologie di origine professionale denunciate, che sono state 14.099 (+35,6%)

A febbraio 2024 il numero degli infortuni sul lavoro denunciati ha segnato un aumento del 4,95% nella gestione Industria e servizi (dai 65.941 casi del 2023 ai 69.202 del 2024), del 5,95 % in Agricoltura (da 3.579 a 3.792) e del 16,2 % nel Conto Stato (da 16.963 a 19.717).

L’aumento che emerge dal confronto di periodo tra il 2023 e il 2024 è legato sia alla componente femminile, che registra un +6,38% (da 31.867 a 33.902 denunce), sia a quella maschile, che presenta un +7,67% (da 54.616 a 58.809).
L’incremento ha interessato sia i lavoratori italiani (+6,6%) sia quelli extracomunitari (+12,36 %), mentre i comunitari registrano un calo del 0,8%.

Dall’analisi per classi di età emergono aumenti generalizzati in quasi  tutte le fasce, in particolar modo tra gli under 15 (+28,5%) e la fascia 25 – 29 anni (+10,5%) in diminuzione solo quella 45-49 anni (-0,73%)

Le denunce di malattia professionale, 14.099, risultano essere in aumento di 3.700 casi rispetto allo stesso periodo di riferimento del 2023 (+35,6%).

In Lombardia le denunce di infortunio a fine febbraio 2024 sono state 18.386 (in aumento del 11,64 % rispetto al 2023), di cui 27 con esito mortale (+42%)  e 578 le tecnopatie denunciate (-6,32%).

Riguardo gli infortuni mortali, risultano essere in aumento nella gestione industria e servizi

A questo link è possibile consultare gli Open data pubblicati.

Share: