Home Confederazione Uil Bombardieri: Strage continua, come una guerra civile

Bombardieri: Strage continua, come una guerra civile

Condividi Adesso

Il leader della Uil a Milano ad un convegno su «Sicurezza e legalità nei cantieri edili»

«In questa settimana ci aspettiamo un decreto che preveda la possibilità sia di sospendere l’attività delle aziende che violano le norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro sia di velocizzare l’assunzione di 2300 ispettori: è una risposta immediata che si deve dare, vista la continua quotidiana strage quasi da guerra civile”. È quanto ha dichiarato il Segretario generale della Uil, PierPaolo Bombardieri, intervenuto questa mattina ai lavori del Convegno organizzato a Milano dalla Feneal Uil, sul tema «Sicurezza e legalità nei cantieri edili”, proprio nella giornata in cui i sindacati di categoria, unitariamente, hanno annunciato una manifestazione nazionale per il prossimo 13 novembre per dire “Basta ai morti sul lavoro».

«Serve, inoltre – ha proseguito Bombardieri – la costruzione di una banca dati unica per avere il quadro completo di ciò che avviene nelle aziende: è una necessità imprescindibile, perché la normativa prevede la possibilità della sospensione se c’è una recidiva della violazione nei cinque anni e senza banca dati non si può intervenire. Nei prossimi giorni, poi – ha sottolineato il leader della Uil – ci aspettiamo di discutere insieme al Governo su altri punti all’ordine del giorno, per assumere ulteriori decisioni, a partire dall’aumento della formazione per la prevenzione degli infortuni, soprattutto per i lavoratori neo assunti. Questi – ha concluso Bombardieri – sono gli impegni definiti nell’intesa raggiunta in occasione dell’ultimo incontro a Palazzo Chigi con il premier, Mario Draghi, per affrontare quella che è una vera e propria emergenza nazionale».

Share: